Loading
 
 
 
Loading
 
Il monastero dei Santi Quattro Coronati, luogo di silenzio e comunione
Loading
 
4 de Abril de 2019 / 0 Comentarios
 
Imprimir
 
 

Redazione (Venerdì, 04-04-2019, Gaudium Press) Al monastero dei Santi Quattro Coronati, a due passi dal Laterano, vivono le monache agostiniane, trascorrendo tutta la loro giornata nel silenzio e nella comunione con Dio. Le loro porte sono aperte a chiunque abbia bisogno di amore, tutti siamo fratelli - dicono.

7.jpg

In quel monastero vive, Suor Fulvia Sieni, molto vicina ai problemi dei giovani e della società. La monaca infatti afferma «Sono molte le risorse spirituali che soprattutto i giovani portano in sé. Viviamo un tempo dove domina la «frammentazione del cuore e la distanza sempre più marcata dai suoi veri e profondi desideri. Spesso le nostre relazioni diventano espedienti per non sentirci soli. Evadiamo di continuo dalla nostra coscienza che avvertiamo troppo silenziosa e priva di stimoli gratificanti, dai quali siamo continuamente investiti.

Siamo iper-stimolati e non sappiamo reggere la fatica dell'attesa che invece la vita, quella vera, richiede».

Al convento delle agostiniane, bussano persone che vogliono ascolto e accoglienza, due azioni che oggi, sembrano passate di moda. Chi vive in un monastero è abituato al silenzio e all'ascolto, per cui è in grado di trasmetterli a chi lo richiede.

In monastero la vita scorre con ritmi lenti, dalla sveglia all'alba, per continuare con meditazione e lavoro. Nel monastero vivono quattordici monache italiane, dai 28 agli 82 anni. Suor Fulvia riguardo a come comprendere la chiamata di Dio e come capirla, spiega: «Non si capisce, si avverte, come un desiderio. La vocazione è l'incontro tra due desideri, il nostro e quello di Dio per la nostra felicità». È, dunque, un pensiero continuo. E quando ci si sente chiamati, «il resto, seppure bello, come il matrimonio e la maternità, attraggono con minore intensità». Non è un desiderio effimero: «È stabile nonostante le paure e incomprensioni». Come si manifesta? «Come una forte nostalgia di Dio, assaporato nella preghiera e cercato al di sopra di ogni cosa».

Per quando riguarda la scelta del monastero, invece la priora, Suor Fulvia, dice che il monastero non si sceglie ma è un luogo che in qualche modo attrae e dal quale non si riesce a sterne lontani.

E per quando riguarda la preghiera, la monaca dice: «La preghiera è un atto di risposta all'amore di Dio, conseguenza di un incontro e desiderio di voler rendere gli altri partecipi dello stesso incontro sanante. La preghiera non serve però solo a cambiare la storia ma anche a trasformare il cuore, renderlo degno di figli che sanno di avere un Padre a cui rivolgersi».

Le agostiniane del monastero dei Santi Quattro Coronati ci tengono a sottolineare che la solitudine non è sempre una buona compagna per le anime ma come scriveva Sant'Agostino nelle sue "Confessioni": «Senza amici non avrei potuto essere felice». (Rita Sberna)

Loading
Il monastero dei Santi Quattro Coronati, luogo di silenzio e comunione

Redazione (Venerdì, 04-04-2019, Gaudium Press) Al monastero dei Santi Quattro Coronati, a due passi dal Laterano, vivono le monache agostiniane, trascorrendo tutta la loro giornata nel silenzio e nella comunione con Dio. Le loro porte sono aperte a chiunque abbia bisogno di amore, tutti siamo fratelli - dicono.

7.jpg

In quel monastero vive, Suor Fulvia Sieni, molto vicina ai problemi dei giovani e della società. La monaca infatti afferma «Sono molte le risorse spirituali che soprattutto i giovani portano in sé. Viviamo un tempo dove domina la «frammentazione del cuore e la distanza sempre più marcata dai suoi veri e profondi desideri. Spesso le nostre relazioni diventano espedienti per non sentirci soli. Evadiamo di continuo dalla nostra coscienza che avvertiamo troppo silenziosa e priva di stimoli gratificanti, dai quali siamo continuamente investiti.

Siamo iper-stimolati e non sappiamo reggere la fatica dell'attesa che invece la vita, quella vera, richiede».

Al convento delle agostiniane, bussano persone che vogliono ascolto e accoglienza, due azioni che oggi, sembrano passate di moda. Chi vive in un monastero è abituato al silenzio e all'ascolto, per cui è in grado di trasmetterli a chi lo richiede.

In monastero la vita scorre con ritmi lenti, dalla sveglia all'alba, per continuare con meditazione e lavoro. Nel monastero vivono quattordici monache italiane, dai 28 agli 82 anni. Suor Fulvia riguardo a come comprendere la chiamata di Dio e come capirla, spiega: «Non si capisce, si avverte, come un desiderio. La vocazione è l'incontro tra due desideri, il nostro e quello di Dio per la nostra felicità». È, dunque, un pensiero continuo. E quando ci si sente chiamati, «il resto, seppure bello, come il matrimonio e la maternità, attraggono con minore intensità». Non è un desiderio effimero: «È stabile nonostante le paure e incomprensioni». Come si manifesta? «Come una forte nostalgia di Dio, assaporato nella preghiera e cercato al di sopra di ogni cosa».

Per quando riguarda la scelta del monastero, invece la priora, Suor Fulvia, dice che il monastero non si sceglie ma è un luogo che in qualche modo attrae e dal quale non si riesce a sterne lontani.

E per quando riguarda la preghiera, la monaca dice: «La preghiera è un atto di risposta all'amore di Dio, conseguenza di un incontro e desiderio di voler rendere gli altri partecipi dello stesso incontro sanante. La preghiera non serve però solo a cambiare la storia ma anche a trasformare il cuore, renderlo degno di figli che sanno di avere un Padre a cui rivolgersi».

Le agostiniane del monastero dei Santi Quattro Coronati ci tengono a sottolineare che la solitudine non è sempre una buona compagna per le anime ma come scriveva Sant'Agostino nelle sue "Confessioni": «Senza amici non avrei potuto essere felice». (Rita Sberna)

Contenido publicado en es.gaudiumpress.org, en el enlace http://es.gaudiumpress.org/content/102325-Il-monastero-dei-Santi-Quattro-Coronati--luogo-di-silenzio-e-comunione. Se autoriza su publicación desde que cite la fuente.



 

Deja un comentario
Su dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *



 
Loading
PublicidadGaudiumPressEsHomeRight
Loading

Más de 200 muertos y 400 heridos es el saldo de la más reciente expresión de violencia anticristi ...
 
Los 120 Mártires canonizados por San Juan Pablo II son el nuevo objetivo de la lucha del régimen c ...
 
Los nuevos miembros de la Iglesia deben asociarse a la misión evangelizadora de la Iglesia. ...
 
Ayer, en la Misa de la Resurrección del Señor, el Pontífice se dirigió a los feligreses que ocup ...
 
Los 294 catecúmenos estaban así distribuidos: 154 son de la capital Phnom Penh, 80 son de la ciuda ...
 
Loading


Lo que se está twitteando sobre

Loading


 
 

Loading

Loading