Loading
 
 
 
Loading
 
Nascerà in estate "La cittadella dell’inclusione"
Loading
 
22 de Abril de 2019 / 0 Comentarios
 
Imprimir
 
 

Pozzuoli (Lunedì, 22-04-2019, Gaudium Press) Nella nostra società odierna esistono tante ferite da curare fisicamente e spiritualmente, in qualche modo è una società ferita ecco perché nasce "La cittadella dell'inclusione" che si aprirà entro quest'estate grazie alla diocesi di Pozzuoli presso la sede centrale del Centro educativo diocesano "Regina Pacis", a Quarto.

Ecco cosa dice in merito mons. Gennaro Pascarella, vescovo di Pozzuoli: "L'idea della Cittadella dell'inclusione nasce tenendo presente gli Orientamenti pastorali della Chiesa italiana per il decennio che si sta concludendo, dedicati all'educazione. Abbiamo soprattutto puntato ad aiutare tutti i tipi di povertà, non solo attraverso un aiuto materiale".

2.jpg

Continua mons. Pascarella - "L'obiettivo, è far sì che il nostro non sia solo un educare teorico ma concreto, attraverso una formazione spendibile nella vita, avviando, quindi, i giovani anche ad attività concrete. Sarà una Cittadella dell'inclusione che avrà sullo sfondo l'educare in questa accezione più ampia". La scelta, è di operare, con continuità, attraverso un intervento globale: oltre all'elemento fisico del dare da mangiare, c'è l'elemento educativo e anche una risposta alle necessità psicologiche. L'équipe di psicologi aiuterà a prendersi carico della persona nella sua totalità. Il progetto parte perché sono venute a nostra conoscenza delle necessità".

Ah proposito di ferite! In questo periodo si parla tanto di abusi sessuali sui minori, grazie ad alcuni progetti d'intervento, si viene a conoscenza di molte situazioni gravi da risolvere come ad esempio il progetto Integra di cui parla sempre mons. Pascarella: "Adesso ci apriamo ad altre ferite grosse che ci sono, come gli abusi a danno dei minori. Attraverso il progetto Integra veniamo a conoscenza di tanti minori che hanno questo tipo di difficoltà e quindi la Cittadella dell'inclusione nasce anche come una risposta della nostra Chiesa a queste sofferenze". "È un progetto, dunque che non è nato a tavolino, ma che viene fuori dalla vita: abbiamo già individuato persone concrete che inseriremo nei nostri percorsi".

D'altronde si parla tanto di accoglienza ma l'accoglienza va poi accompagnata dall'inclusione in un contesto sociale, culturale e familiare. Dell'accoglienza, Papa Francesco parla tanto durante le sue udienze e angelus, una volta disse anche che "Senza integrazione meglio non accogliere" e per questo "La cittadella dell'inclusione" oltre ad accogliere queste persone ferite cercherà di includerle come dice il nome stesso della struttura.

Concludiamo con queste parole illuminanti di Papa Francesco: "L'incontro con l'altro è anche incontro con Cristo. Ce l'ha detto Lui stesso. È Lui che bussa alla nostra porta affamato, assetato, forestiero, nudo, malato, e carcerato, chiedendo di essere incontrato e assistito. E se avessimo ancora qualche dubbio, ecco la sua parola chiara: «In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me". (Rita Sberna)

Loading
Nascerà in estate "La cittadella dell’inclusione"

Pozzuoli (Lunedì, 22-04-2019, Gaudium Press) Nella nostra società odierna esistono tante ferite da curare fisicamente e spiritualmente, in qualche modo è una società ferita ecco perché nasce "La cittadella dell'inclusione" che si aprirà entro quest'estate grazie alla diocesi di Pozzuoli presso la sede centrale del Centro educativo diocesano "Regina Pacis", a Quarto.

Ecco cosa dice in merito mons. Gennaro Pascarella, vescovo di Pozzuoli: "L'idea della Cittadella dell'inclusione nasce tenendo presente gli Orientamenti pastorali della Chiesa italiana per il decennio che si sta concludendo, dedicati all'educazione. Abbiamo soprattutto puntato ad aiutare tutti i tipi di povertà, non solo attraverso un aiuto materiale".

2.jpg

Continua mons. Pascarella - "L'obiettivo, è far sì che il nostro non sia solo un educare teorico ma concreto, attraverso una formazione spendibile nella vita, avviando, quindi, i giovani anche ad attività concrete. Sarà una Cittadella dell'inclusione che avrà sullo sfondo l'educare in questa accezione più ampia". La scelta, è di operare, con continuità, attraverso un intervento globale: oltre all'elemento fisico del dare da mangiare, c'è l'elemento educativo e anche una risposta alle necessità psicologiche. L'équipe di psicologi aiuterà a prendersi carico della persona nella sua totalità. Il progetto parte perché sono venute a nostra conoscenza delle necessità".

Ah proposito di ferite! In questo periodo si parla tanto di abusi sessuali sui minori, grazie ad alcuni progetti d'intervento, si viene a conoscenza di molte situazioni gravi da risolvere come ad esempio il progetto Integra di cui parla sempre mons. Pascarella: "Adesso ci apriamo ad altre ferite grosse che ci sono, come gli abusi a danno dei minori. Attraverso il progetto Integra veniamo a conoscenza di tanti minori che hanno questo tipo di difficoltà e quindi la Cittadella dell'inclusione nasce anche come una risposta della nostra Chiesa a queste sofferenze". "È un progetto, dunque che non è nato a tavolino, ma che viene fuori dalla vita: abbiamo già individuato persone concrete che inseriremo nei nostri percorsi".

D'altronde si parla tanto di accoglienza ma l'accoglienza va poi accompagnata dall'inclusione in un contesto sociale, culturale e familiare. Dell'accoglienza, Papa Francesco parla tanto durante le sue udienze e angelus, una volta disse anche che "Senza integrazione meglio non accogliere" e per questo "La cittadella dell'inclusione" oltre ad accogliere queste persone ferite cercherà di includerle come dice il nome stesso della struttura.

Concludiamo con queste parole illuminanti di Papa Francesco: "L'incontro con l'altro è anche incontro con Cristo. Ce l'ha detto Lui stesso. È Lui che bussa alla nostra porta affamato, assetato, forestiero, nudo, malato, e carcerato, chiedendo di essere incontrato e assistito. E se avessimo ancora qualche dubbio, ecco la sua parola chiara: «In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me". (Rita Sberna)

Contenido publicado en es.gaudiumpress.org, en el enlace http://es.gaudiumpress.org/content/102616-Nascera-in-estate--La-cittadella-dell-rsquo-inclusione-. Se autoriza su publicación desde que cite la fuente.



 

Deja un comentario
Su dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *



 
Loading
PublicidadGaudiumPressEsHomeRight
Loading

Un viaggio che per metterà al Pontefice di incontrare il patriarca e di celebrare la Liturgia con l ...
 
Tutti gli anni, il 22 maggio una grande festa in onore di Santa Rita organizzata dagli Araldi del Va ...
 
El Arzobispo de Utrecht, Países Bajos, concedió una entrevista en la cual manifestó una fuerte p ...
 
La delegación cuenta con miembros de las 20 parroquias de la Diócesis. ...
 
La preocupación de los comunicadores no debe quedarse en la forma y novedad de las técnicas y plat ...
 
Loading


Lo que se está twitteando sobre

Loading


 
 

Loading

Loading