Loading
 
 
 
Loading
 
"Bisagno" sarà il primo partigiano beato
Loading
 
31 de Julio de 2019 / 0 Comentarios
 
Imprimir
 
 

Redazione (Mercoledì, 31-07-2019, Gaudium Press) "Bisagno" il cui vero nome è Aldo Gastaldi, è stato il primo partigiano italiano e ben presto diventerà beato.

Ad avviare la canonizzazione è stato proprio il cardinal Angelo Bagnasco, si legge nell'editto arcivescovile di «comunicare direttamente o a far pervenire al Tribunale Ecclesiastico Diocesano tutte quelle notizie dalle quali si possano in qualche modo arguire elementi favorevoli o contrari alla fama di santità del Servo di Dio».

1.jpg

La storia di Bisagno

Bisagno nasce a Granarolo (Genova) nel 1921. Diventa Sottotenente del XV Reggimento Genio di pattuglia a Chiavari, l'8 settembre del 1943, in quel periodo arriva la notizia dell'armistizio, infatti, Bisagno è tra i primi a salire in montagna dove formerà un nucleo partigiano e nel giro di pochi mesi diventa il comandante più amato della resistenza ligure.

Non aveva paura di esporsi nei pericoli, era sempre al servizio di tutti e svolgeva i lavori di guardia più pesanti.

Così facendo, si conquista l'amore e la stima della popolazione.

Diventa un eroe, era un uomo che amava l'onestà, la libertà e la cura del rapporto con gli altri.

Riportiamo uno stralcio, di una lettera che Bisagno scrisse il 21 dicembre 1941 a sua madre: «Io detesto e dispregio nel modo più assoluto tutto ciò che è mondano ed impuro. Credo e penso che tutti coloro che vedono ogni bellezza della vita nel solo piacere materia - le sono dei deboli, degli uomini senza volontà e costretti dalla loro debolezza a seguire la via errata che porta alla tristezza e alla disperazione di avere trascorso così male la loro gioventù, lontani da Dio ed immersi nel mondo del vizio, dell'immorale, del malanno e della rovina della salute del corpo umano».

Continua scrivendo - «Ringraziando la Volontà Divina e ringraziando Te per la ferrea educazione che mi hai infusa, posso oggi giurare di essere stato forte finora e mi prometto di usare tutto il potere della mia volontà per mantenermi inflessibile anche in avvenire».
Era un grande credente ed era temuto dai suoi nemici.

Muore il 21 maggio 1945 a Desenzano del Garda, dopo aver riconsegnato alle famiglie tutti i suoi uomini, cadendo dal tetto della cabina di un camping.

Il suo ultimo gesto di grande generosità fu quello di garantire l'incolumità di alcuni suoi partigiani, ex soldati repubblichini originari del Veneto e della Lombardia, e testimoniare ai concittadini il contributo da loro offerto alla Resistenza. (Rita Sberna)

Loading
"Bisagno" sarà il primo partigiano beato

Redazione (Mercoledì, 31-07-2019, Gaudium Press) "Bisagno" il cui vero nome è Aldo Gastaldi, è stato il primo partigiano italiano e ben presto diventerà beato.

Ad avviare la canonizzazione è stato proprio il cardinal Angelo Bagnasco, si legge nell'editto arcivescovile di «comunicare direttamente o a far pervenire al Tribunale Ecclesiastico Diocesano tutte quelle notizie dalle quali si possano in qualche modo arguire elementi favorevoli o contrari alla fama di santità del Servo di Dio».

1.jpg

La storia di Bisagno

Bisagno nasce a Granarolo (Genova) nel 1921. Diventa Sottotenente del XV Reggimento Genio di pattuglia a Chiavari, l'8 settembre del 1943, in quel periodo arriva la notizia dell'armistizio, infatti, Bisagno è tra i primi a salire in montagna dove formerà un nucleo partigiano e nel giro di pochi mesi diventa il comandante più amato della resistenza ligure.

Non aveva paura di esporsi nei pericoli, era sempre al servizio di tutti e svolgeva i lavori di guardia più pesanti.

Così facendo, si conquista l'amore e la stima della popolazione.

Diventa un eroe, era un uomo che amava l'onestà, la libertà e la cura del rapporto con gli altri.

Riportiamo uno stralcio, di una lettera che Bisagno scrisse il 21 dicembre 1941 a sua madre: «Io detesto e dispregio nel modo più assoluto tutto ciò che è mondano ed impuro. Credo e penso che tutti coloro che vedono ogni bellezza della vita nel solo piacere materia - le sono dei deboli, degli uomini senza volontà e costretti dalla loro debolezza a seguire la via errata che porta alla tristezza e alla disperazione di avere trascorso così male la loro gioventù, lontani da Dio ed immersi nel mondo del vizio, dell'immorale, del malanno e della rovina della salute del corpo umano».

Continua scrivendo - «Ringraziando la Volontà Divina e ringraziando Te per la ferrea educazione che mi hai infusa, posso oggi giurare di essere stato forte finora e mi prometto di usare tutto il potere della mia volontà per mantenermi inflessibile anche in avvenire».
Era un grande credente ed era temuto dai suoi nemici.

Muore il 21 maggio 1945 a Desenzano del Garda, dopo aver riconsegnato alle famiglie tutti i suoi uomini, cadendo dal tetto della cabina di un camping.

Il suo ultimo gesto di grande generosità fu quello di garantire l'incolumità di alcuni suoi partigiani, ex soldati repubblichini originari del Veneto e della Lombardia, e testimoniare ai concittadini il contributo da loro offerto alla Resistenza. (Rita Sberna)

Contenido publicado en es.gaudiumpress.org, en el enlace http://es.gaudiumpress.org/content/104331--Bisagno--sara-il-primo-partigiano-beato. Se autoriza su publicación desde que cite la fuente.



 

Deja un comentario
Su dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *



 
Loading
PublicidadGaudiumPressEsHomeRight
Loading

El gobierno expropió las instituciones de salud católicos en un intento de frenar la manifestaci ...
 
El Arzobispo agradeció a los fieles por respaldo ante la amenaza para la identidad de las escuelas ...
 
Un grupo de trabajo diplomático se reunió en el Vaticano durante los días 21 y 22 de agosto. ...
 
El encuentro nacional de oración por el país se llevará a cabo en el aeropuerto del Aero Club en ...
 
Las altas cifras de registros son manipuladas para hacer creer que la Iglesia se apropia indebidamen ...
 
Loading


Lo que se está twitteando sobre

Loading


 
 

Loading

Loading