Loading
 
 
 
Loading
 
Patriarchi cattolici orientali: "Pieno sostegno e solidarietà al popolo palestinese, piegato dall’occupazione. No a Gerusalemme capitale di Israele"
Loading
 
7 de Diciembre de 2018 / 0 Comentarios
 
Imprimir
 
 

Iraq (Venerdì, 06-12-2018, Gaudium Press) Si è chiusa la 26ma Conferenza dei patriarchi d'Oriente, che si è svolta per la prima volta in Iraq dal 26 al 30 novembre.

L'invito a mantenere salda la fede e a contribuire allo sviluppo della regione, alla luce delle "sfide" sempre più pressanti che emergono; i leader cristiani, seguendo l'esempio di papa Francesco, assicurano il loro "impegno" per garantire "le basi" della presenza futura "nella loro terra".

3.jpg
Card. Bechara Boutros Rai

All'evento hanno partecipato il patriarca maronita card Beshara Raï, il greco-cattolico Youssef Absi, il siro-cattolico Ignace Joseph III Younan, il rappresentante del patriarcato latino di Gerusalemme mons. Shomali e il padrone di casa, il patriarca caldeo card Louis Raphael Sako che ha tenuto il discorso di apertura: "La vostra presenza qui, oggi, come leader e padri delle Chiese antiche - ha detto il patriarca caldeo - è davvero una forte manifestazione di solidarietà, un testimoniare che siete uniti a noi in tutto ciò che abbiamo affrontato, persecuzioni, sfollamento, abbandono, migrazioni forzate. Questa assemblea che si tiene in Iraq, in un momento così particolare, ci riempie di speranza e incoraggia le famiglie a tornare e restare nella loro terra di origine mantenendo salda la nostra fede, la nostra identità, l'etica, le tradizioni e la lingua".

Al termine della conferenza, si è svolta una solenne concelebrazione eucaristica nella capitale. Durante la funzione è stato letto il forte messaggio conclusivo, che oltre a rivolgersi ai giovani è servito anche per fare il punto della situazione dei vari Paesi: "Confermiamo la nostra solidarietà al popolo palestinese, piegato dall'occupazione e che sospira perché la situazione è stagnante. Chiediamo alla comunità internazionale di sostenere la Palestina nel quadro dei ‘Due Stati' e di rimpatriare i profughi palestinesi. Ribadiamo il nostro totale rifiuto di Gerusalemme quale capitale d'Israele, che vi si trasferisca l'ambasciata degli Stati Uniti e che si faccia di Israele uno stato nazionale per gli ebrei".

Nel messaggio i patriarchi hanno espresso anche soddisfazione per la Siria, per stabilizzazione di molte parti del Paese e la speranza è che presto tutta la nazione possa essere pacificata" con il ritorno di profughi e rifugiati così da sostenere il percorso di "unità nazionale".

Per quanto concerne l'Iraq, vi è "apprezzamento" per l'atmosfera "positiva" che comincia a emergere, a garanzia di una ulteriore "stabilità" anche se serve impegno nella lotta all'ideologia estremista che non è stata ancora sradicata del tutto.

In vista della prossima riunione dei patriarchi, che si terrà al Cairo, ospitata dal Patriarcato copto-cattolico, dal 25 al 29 novembre 2019, i leader cristiani si appellano sin da ora a tutti i capi di Stato e governo del Medio oriente perché assicurino il rispetto dei diritti umani a tutti i cittadini, secondo quanto sancito nella carta delle Nazioni Unite.

Notevole e concreto è l'impegno della Caritas in tutto il medio oriente, nonostante le notevoli difficoltà assistenziali e di spostamenti nelle varie operazioni.

Parole di speranza sono quelle del direttore di Caritas Giordania Wael Sueleiman riportate da Famiglia Cristiana: "Sono sicuro al 100 per cento che Dio vincerà, nonostante le difficoltà e le tensioni che si vivono nel Medio Oriente. Se sei un cristiano non puoi perdere la fede, perché hai una missione d' amore. La fede è stata seminata da Dio in me e io so che l' amore vincerà, anche se magari non lo vedremo noi ma le prossime generazioni. Se Dio ancora esiste, perché non fa qualcosa? Perché non interviene? Me lo chiedono i miei figli quando in televisione vedono immagini di bambini che soffrono. Io e mia moglie cerchiamo di spiegare loro la verità...questa è una guerra tra il bene e il male, tra l' amore e l' odio. Per questo c' è bisogno della testimonianza del nostro essere strumenti di Dio. La nostra storia è piena di dolore: i cristiani hanno sempre dovuto scappare, a partire da Maria e Giuseppe. Anche la mia famiglia è scappata, prima dal Libano, poi dalla Palestina.

Ora, chiude Suleiman, si deve guardare avanti: "Se non c' è speranza, c' è la morte. Dobbiamo lasciar andare il passato e parlare di futuro. Quest' anno, con una ventina di volontari di Caritas Giordania, ho partecipato al Festival biblico di Vicenza, dedicato proprio al futuro. È importante far crescere la voglia di un futuro migliore e lavorare per esso. Non è una missione facile, cadiamo ogni giorno 150 volte, ma altrettante volte ricominciamo. Questo è il segreto dell'amore: non puoi cadere e rimanere a terra, devi alzarti e ripartire.

Conclude Suleiman: Con noi c' è solo il Papa, ma la sua voce non è ascoltata".

Informazioni tratte da: SIR

 

Loading
Patriarchi cattolici orientali: "Pieno sostegno e solidarietà al popolo palestinese, piegato dall’occupazione. No a Gerusalemme capitale di Israele"

Iraq (Venerdì, 06-12-2018, Gaudium Press) Si è chiusa la 26ma Conferenza dei patriarchi d'Oriente, che si è svolta per la prima volta in Iraq dal 26 al 30 novembre.

L'invito a mantenere salda la fede e a contribuire allo sviluppo della regione, alla luce delle "sfide" sempre più pressanti che emergono; i leader cristiani, seguendo l'esempio di papa Francesco, assicurano il loro "impegno" per garantire "le basi" della presenza futura "nella loro terra".

3.jpg
Card. Bechara Boutros Rai

All'evento hanno partecipato il patriarca maronita card Beshara Raï, il greco-cattolico Youssef Absi, il siro-cattolico Ignace Joseph III Younan, il rappresentante del patriarcato latino di Gerusalemme mons. Shomali e il padrone di casa, il patriarca caldeo card Louis Raphael Sako che ha tenuto il discorso di apertura: "La vostra presenza qui, oggi, come leader e padri delle Chiese antiche - ha detto il patriarca caldeo - è davvero una forte manifestazione di solidarietà, un testimoniare che siete uniti a noi in tutto ciò che abbiamo affrontato, persecuzioni, sfollamento, abbandono, migrazioni forzate. Questa assemblea che si tiene in Iraq, in un momento così particolare, ci riempie di speranza e incoraggia le famiglie a tornare e restare nella loro terra di origine mantenendo salda la nostra fede, la nostra identità, l'etica, le tradizioni e la lingua".

Al termine della conferenza, si è svolta una solenne concelebrazione eucaristica nella capitale. Durante la funzione è stato letto il forte messaggio conclusivo, che oltre a rivolgersi ai giovani è servito anche per fare il punto della situazione dei vari Paesi: "Confermiamo la nostra solidarietà al popolo palestinese, piegato dall'occupazione e che sospira perché la situazione è stagnante. Chiediamo alla comunità internazionale di sostenere la Palestina nel quadro dei ‘Due Stati' e di rimpatriare i profughi palestinesi. Ribadiamo il nostro totale rifiuto di Gerusalemme quale capitale d'Israele, che vi si trasferisca l'ambasciata degli Stati Uniti e che si faccia di Israele uno stato nazionale per gli ebrei".

Nel messaggio i patriarchi hanno espresso anche soddisfazione per la Siria, per stabilizzazione di molte parti del Paese e la speranza è che presto tutta la nazione possa essere pacificata" con il ritorno di profughi e rifugiati così da sostenere il percorso di "unità nazionale".

Per quanto concerne l'Iraq, vi è "apprezzamento" per l'atmosfera "positiva" che comincia a emergere, a garanzia di una ulteriore "stabilità" anche se serve impegno nella lotta all'ideologia estremista che non è stata ancora sradicata del tutto.

In vista della prossima riunione dei patriarchi, che si terrà al Cairo, ospitata dal Patriarcato copto-cattolico, dal 25 al 29 novembre 2019, i leader cristiani si appellano sin da ora a tutti i capi di Stato e governo del Medio oriente perché assicurino il rispetto dei diritti umani a tutti i cittadini, secondo quanto sancito nella carta delle Nazioni Unite.

Notevole e concreto è l'impegno della Caritas in tutto il medio oriente, nonostante le notevoli difficoltà assistenziali e di spostamenti nelle varie operazioni.

Parole di speranza sono quelle del direttore di Caritas Giordania Wael Sueleiman riportate da Famiglia Cristiana: "Sono sicuro al 100 per cento che Dio vincerà, nonostante le difficoltà e le tensioni che si vivono nel Medio Oriente. Se sei un cristiano non puoi perdere la fede, perché hai una missione d' amore. La fede è stata seminata da Dio in me e io so che l' amore vincerà, anche se magari non lo vedremo noi ma le prossime generazioni. Se Dio ancora esiste, perché non fa qualcosa? Perché non interviene? Me lo chiedono i miei figli quando in televisione vedono immagini di bambini che soffrono. Io e mia moglie cerchiamo di spiegare loro la verità...questa è una guerra tra il bene e il male, tra l' amore e l' odio. Per questo c' è bisogno della testimonianza del nostro essere strumenti di Dio. La nostra storia è piena di dolore: i cristiani hanno sempre dovuto scappare, a partire da Maria e Giuseppe. Anche la mia famiglia è scappata, prima dal Libano, poi dalla Palestina.

Ora, chiude Suleiman, si deve guardare avanti: "Se non c' è speranza, c' è la morte. Dobbiamo lasciar andare il passato e parlare di futuro. Quest' anno, con una ventina di volontari di Caritas Giordania, ho partecipato al Festival biblico di Vicenza, dedicato proprio al futuro. È importante far crescere la voglia di un futuro migliore e lavorare per esso. Non è una missione facile, cadiamo ogni giorno 150 volte, ma altrettante volte ricominciamo. Questo è il segreto dell'amore: non puoi cadere e rimanere a terra, devi alzarti e ripartire.

Conclude Suleiman: Con noi c' è solo il Papa, ma la sua voce non è ascoltata".

Informazioni tratte da: SIR

 


 

Deja un comentario
Su dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *



 
Loading
PublicidadGaudiumPressEsHomeRight
Loading

La administración de su lugar de residencia argumenta el retiro de la imagen por incumplimiento de ...
 
El programa para garantizar la disponibilidad de esta importante materia para el Sacramento se inici ...
 
Roy Alfonso Santiago Jr., fisioterapeuta respiratorio y asistente del Comité Litúrgico de la Visi ...
 
En el Ángelus del día de la Inmaculada Concepción, rezado ayer en la Plaza de San Pedro, el Papa ...
 
Este viernes 07, la Catedral Metropolitana de México acogió la octava edición de la 'Jornada del ...
 
Loading


Lo que se está twitteando sobre

Loading


 
 

Loading

Loading